Umiliazioni per Hollande

Print PDF
 siriafrancia09013
 Siria : quarta umiliazione per Mr. Hollande
 
Russia ed USA hanno ratificato l’accordo di Ginevra sulla Siria, infliggendo la 4^ umiliazione ad Hollande, costretto a votare come gli altri 10 membri del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Nella risoluzione nessun cenno a qualche responsabilità di Assad per i “massacri” pretestuosi che gli venivano addebitati. Peggio, se Assad non collaborasse, vi sarà una nuova risoluzione ONU per decidere il che fare.
 
Ora Hollande non potrà più bombardare la Siria per far crescere i suoi consensi elettorali, mentre gli “strateghi” della geopolitica mondiale farebbero bene a iscriversi alle elementari per evitarsi il ridicolo di oggi.
Speriamo che la 4^ umiliazione subita da Hollande gli faccia finalmente capire che nell’ONU esistono due blocchi contrapposti : gli USA (isolati) e il G2 (Russia e Cina). La Russia nel ruolo di VRP (Venditore, Rappre- sentante , Piazzista), la Cina in quello di cassiere. La Russia ha dichiarato apertamente che , in virtù degli accordi sottoscritti, in caso di attacco alla Siria, combatterà a fianco dei siriani. Cioè bombe su Damasco, ma anche su Parigi o Washington. A Hollande resta solo il Mali per consolarsi. Con tutti i suoi problemi in patria la Francia non fa più paura in Africa e in Oriente. Finanziare terroristi in Siria o in Africa è segno di debolezza.
M.Colomès (17 sett.2013) descrive le altre tre umiliazioni subite da Holland, che si è spinto in fretta in guerra, confidando nel sostegno degli USA , che invece hanno giocato in proprio, lasciandolo solo.
La prima umiliazione è del 31 agosto 2013 : Obama decide di rinviare alla decisione del suo Congresso il lancio dei missili Tomahawh sulla Siria, prevista per il giorno successivo. Una decisione che obbligava anche Hollande a consultare il suo Parlamento: per sua fortuna l’afasia dell’opposizione lo ha tolto d’imbarazzo.
La seconda è del 10 settembre u.s. : Obama, dopo aver detto che il massacro con armi chimiche era un crimine contro l’umanità, affermava che comunque gli interessi USA non erano direttamente minacciati e che andava esplorata l’iniziativa diplomatica russa per lo smantellamento dell’arsenale chimico siriano. Il tutto senza tener minimamente conto della volontà di Hollande e senza mai nominare la Francia nei due discorsi.
La terza riguarda il fatto che , nei colloqui USA-Russia di Ginevra, la Francia era emarginata.
La quarta umiliazione, come detto, riguarda l’accordo siglato , che spiazza completamente Hollande.
 
Come si vede le logiche dei processi mondiali stanno mutando, a tutto svantaggio degli imperialisti aggressori.
Costoro, come è accaduto sempre nella storia del mondo, stanno tentando di bypassare i loro gravissimi e irre- parabili problemi interni, con guerre di aggressione e con i fantasmi del “terrorismo” degli altri. Manovre diversive che non hanno più molto spazio nè credito, nonsotante la propaganda mediatica dominante.
 
Roma 27 settembre 2013
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Segnalazioni


Ciò che sta accadendo in Europa e in Italia è il prodotto del cinismo criminale del capitalismo finanziario internazionale ed europeo.       Per decenni i mass media hanno occultato questo piano disumano costruito con la sovranità monetaria delle banche, con i trattati capestro della UE (sempre taciuti), con i finti tecnici, come Monti in Italia, sostenuto da PDL/PD/UDC. L'inganno mediatico continua con slogan fasulli (salvastati, spread, crescita,ecc.) e teatrini mediatici fuorvianti. Se non conquistiamo nuovi assetti comunicativi, riformando la RAI, saremo ancora vittime di ogni nefandezza del capitalismo :finanziaria, politica, sociale, militare e mediatica.La regia generale è quella dell'imperialismo USA all'assalto del mondo: video illuminante, poco noto, e commento su pickline.
 
Qui su www.pickline.it  e su www.blogtaormina.it trovate proposte innovative  per una alternativa di civiltà, anche mediatica.